Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 


 

Pinerolo Indialogo Novembre 2012

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Officine del suono 


Musica emergente

Alberto Cipolla


di Demis Pascal

Pinerolo Indialogo - Anno 3 - N.11 - Novembre 2012

 

  La provincia di Torino si conferma anccora una volta una vera e propria fucina di talenti. Questo mese ho scovato in quel di Torino un musicista poliedrico che, assieme alle molte collaborazioni dal pop all’occitano passando per le colonne sonore, ha deciso di fare tutto da solo, e se questo è il risultato....

Alberto, iniziamo raccontando la tua crescita come musicista...

Inizio con gli studi di pianoforte classico e decine di esperienze in svariate band. Conseguo il diploma in "Tecnico di Musica Interattiva" all’APM di Saluzzo, in arrangiamento e produzione al CPM di Milano, attualmente studio "Composizione" al Conservatorio di Torino.

Prendendo spunto dalle sonorità tipiche del minimalismo dove il pianoforte la fa da padrone e da un sound piuttosto cinematografico, nasce una commistione che si fonde con la melodia più orecchiabile del pop e le sonorità british delle chitarre elettriche. Il tutto scritto con una "vena armonica" figlia degli studi di armonia Classica. Musica italiana ma testi in inglese, quando non brani interamente strumentali. Un "post-pop" che è decisamente musica per le immagini.

Le tue composizioni sono piuttosto complesse e molto ben articolate, a cosa o a chi ti ispiri?

L’ispirazione di per sé può arrivare da un numero infinito di cose. Può essere anche solo un film, un’immagine, una situazione, può nascere dalla voglia di esprimere un sentimento interiore, da un errore suonato al pianoforte o molto più semplicemente senza motivo apparente: solo una melodia che è venuta in mente. Per quanto riguarda le influenze musicali, è un bel dedalo. Ascolto quasi tutto: musica classica, indie-rock, post-rock ma anche minimalismo e un pizzico di newage. Per fare dei nomi su tutti Yann Tiersen, ma anche Arcade Fire, Radiohead, i Coldplay, i Muse dei primi anni e i Sigur Ros.

Hai scelto la strada solista, che vantaggi ti dà?

Be’... ad esempio che quando concepisco un brano lo faccio immaginandolo con l’arrangiamento già fatto e finito e non devo litigare con nessuno per decidere come fare cosa. E’ una buona cosa avere completa autonomia su ciò che sto scrivendo, In ogni caso però faccio sempre ascoltare tutto ad orecchie esterne ben selezionate che possano dare un parere di cui tener conto. Altro vantaggio è la flessibilità delle esibizioni: personalmente sto provando il live "elettrico" al completo dove siamo in sei sul palco, in caso di esibizione acustica si può ridurre a quartetto o a trio e in caso di richiesta ancora più piccola arrivo ad essere da solo. Gli svantaggi arrivano nelle occasioni in cui l’unione farebbe la forza. A partire dall’auto-promozione fino al doversi pagare in toto le spese per registrazione e stampa del disco. Poi, credo, che l’esperienza creativa e compositiva renda un gruppo più simile ad una "seconda famiglia" di quanto non avvenga da solista.

Siamo in conclusione, cosa farai nel futuro prossimo?

Attualmente continuo a scrivere nuovo materiale e con una piccola selezione di brani ho creato una demo che ho iniziato a far girare per piccole etichette e addetti ai lavori. Per quanto riguarda il live, ho avuto modo di essere piuttosto attivo nei mesi tra maggio e settembre di quest’anno, tra l’apertura del concerto torinese di Marco Guazzone, il Reset Festival a Torino, un live a Milano e altri eventi qui in zona. Purtroppo in tutte queste date è stato sempre necessario il set acustico in trio o da solo, quindi non ho ancora avuto modo di rodare sul palco i brani in tutta la loro completezza. A fronte di un mese di Ottobre un po’ più fermo rispetto all’estate, l’idea ora è quella di continuare a partecipare a concorsi, contest e qualsiasi cosa possa portare ad esibizioni dal vivo. E poi finalmente pubblicare il mio disco.

Quindi rimaniamo in attesa del debutto di questo caleidoscopico musicista, nel frattempo possiamo ascoltare le sue composizioni su http://soundcloud.com/alberto-cipolla in attesa dell’uscita dell’album e delle date promozionali.