Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Aprile 2012



Home Page :: Indietro
 Editoriale 

Pinerolo, città degli Acaja?

di Antonio Denanni

Pinerolo Indialogo - Anno 3 - N.4 - Aprile 2012

   Fino a qualche tempo fa c’era la moda tra i Comuni di appiccicare alla città una specie di slogan, riportato poi nel sito internet e nei cartelli stradali, chiaramente allo scopo di promuovere turisticamente la città.
   Anche Pinerolo, non da meno, ha coniugato il suo motto:"Pinerolo, città della cavalleria". Memore dei fasti della Belle Epoque, su spinta anche di un appassionato come il generale Di Staso, a molti è sembrato che questo fosse lo slogan giusto per rilanciare l’immagine della città.
Se però ci si ferma un po’ a riflettere sulla storia di questi decenni, sui risultati ottenuti e sulle prospettive possibili forse non è proprio così. È impensabile credere di rilanciare l’economia o l’identità di una città intorno a uno sport o a una passione, per quanto nobile, che riguarda qualche decina di persone e mobilita le masse solo una o due volte all’anno.
   Oggi non è come nella seconda metà dell’Ottocento o nella prima metà del Novecento quando intorno al cavallo e alla cavalleria erano coinvolte centinaia di persone.
Occorre un’idea più forte!
   E se pensassimo ad un altro motto: "Pinerolo, città della cavalleria e degli Acaja"? Dietro c’è tutto un patrimonio, il centro storico, che questa dinastia ci ha lasciato. Un patrimonio per troppo tempo abbandonato e mai curato, per rincorrere il nuovo. Chi ha frequentato per anni città storiche come Urbino (16 mila abitanti) e poi vede Pinerolo, che pure ha dei luoghi di pregio, rimane desolato.
   La differenza tra queste due città non sta nel patrimonio architettonico, che pure c’è, ma nel provincialismo e nella mancanza di una cultura aperta. Mi è capitato di parlare di questo ipotetico motto con qualche commerciante del centro storico: gli si sono illuminati gli occhi!

                                                                                                                                                                      

                                                                              
Sul web http://www.pineroloindialogo.it
Su facebook http://www.facebook.com/indialogo.apinerolo"
La rivista da sfogliare: http://www.issuu.com/pineroloindialogo