Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Aprile 2012


Dialogo tra generazioni


Home Page :: Indietro
 Riflessioni politiche "young" 

Intervista all'Assessore ai Lavori Pubblici A.Pisaniello

"Per il rifacimento delle strade e dei marciapiedi 600.000 euro"

 

 

di Emanuele Sacchetto

 

Pinerolo Indialogo - Anno 3 - N.4 - Aprile 2012

 
Come prima cosa, Assessore, vorremmo che ci racconti un po’ come è trascorso il primo anno della sua nuova esperienza.
Questa è senz’altro una esperienza molto importante per me, e anche molto impegnativa, dovendo conciliare lavoro, famiglia e politica. Nonostante io sia alla mia prima volta, sono felice di iniziare a vedere dei risultati, nonostante i tempi ahimè molto dilatati della burocrazia pubblica, problema con il quale mi sono dovuto scontrare maggiormente, venendo io dal settore privato. Tuttavia questi tempi lunghi sono necessari in nome di trasparenza e democrazia.

Veniamo ora a tematiche concrete: cosa ci dice della situazione drammatica di alcune strade e in merito alla sicurezza, invece, qual è il punto di vista del suo assessorato in merito al V-RED?
Per quanto riguarda le strade abbiamo appena concluso la procedura di appalto per il rifacimento del manto stradale nell’anno che viene, per una somma di circa 600.000 euro tra strade e marciapiedi. Tuttavia abbiamo già iniziato a riempire almeno in parte alcune voragini causate dall’ultima neve e dal freddo. In merito al V-RED invece è inutile nascondere l’evidente utilità dello strumento per supplire la mancanza di fondi statali e regionali dovuti alle ultime manovre. Il mio personale parere è comunque che sia meglio multare chi passa col rosso che mettere parcheggi blu in tutta la città.

Proprio in merito alle nuove "zone blu" di sosta, che ormai occupano la quasi totalità del centro cittadino: non vi sembra di esagerare? Inoltre il parcheggio sotterraneo previsto in programma elettorale si farà?
Le zone blu sono state una necessità, per la quale anche parte dei commercianti del centro storico si sono schierati a favore, poiché tale soluzione favorisce un ricambio maggiore della clientela. Inoltre nessun’altra città possiede una piazza ampia come la nostra Vittorio Veneto libera da zone blu. Il parcheggio sotterraneo invece si farà, nella zona sotto Piazza Cavour. Sono previsti una parte di parcheggi in vendita (per residenti e non) e una parte maggioritaria invece a pagamento con ricambio. Per questo è stato presentato uno studio di fattibilità, ma mancano i soldi. Stiamo infatti valutando quale decreto Monti sia meglio sfruttare per ottenere i finanziamenti necessari.

Passiamo ora alle energie rinnovabili. Esistono dei progetti di investimento e di risparmio per le strutture pubbliche?
Premesso che di questo tema si occupa con molta maggiore conoscenza tecnica il Sindaco, il Comune comunque ha dei progetti in particolare per le scuole. A breve dovremo provvedere al rifacimento dei tetti di due istituti e ci sarebbe piaciuto inserire il fotovoltaico. Tuttavia qui c’è un problema a livello di Ministero dell’Ambiente, che prevede che questo tipo di investimenti vengano fatti rientrare nel patto di stabilità, ponendo così un blocco per ogni altro intervento del Comune.
Per poter realizzare queste idee è necessario trovare un modo per eludere l’obbligo del patto di stabilità.

La banda larga è ferma alle porte di Pinerolo. A quando le diramazioni?
Per questo problema ci sono poche soluzioni, in quanto questo era da realizzare con le sovvenzioni per le Olimpiadi invernali del 2006. Adesso è ferma perché non ci sono i soldi.

Passiamo all’emergenza neve e ghiaccio particolarmente dura di quest’anno: come ha reagito e funzionato la macchina comunale?
L’appalto per la pulizia delle strade da neve e ghiaccio bisogna dire che non è mai molto appetito dalle ditte. Ogni anno infatti ve ne partecipa soltanto una, che dunque fa uno sconto pressoché formale, non avendo concorrenza. Quest’anno i costi sono stati di circa 200.000 € e abbiamo sparso per le strade 6 TIR di sabbia. Certo il funzionamento può sempre migliorare, ma per quest’anno ce la siamo cavata.

Come ultima domanda, l’arredo urbano: vedremo il verde cittadino un po’ più curato che in passato? In particolare il Parco Olimpico potrà essere finalmente detto tale?
Per il Parco Olimpico provvederemo a breve al ricambio di tutti i lampioncini bassi, ormai distrutti, con dei normali lampioni alti, che dovrebbero credo, essere meno vittime di atti vandalici. La gestione di questo Parco vede un problema di base: non c’è ancora una convenzione tra Città di Pinerolo e Provincia. In particolare a quest’ultima appartiene anche quel microscopico edificio a metà parco, che sarebbe dovuto essere un chiosco. Dunque finché non avremo la convenzione, non potremo far nulla.