Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 Editoriale 

Agganciare il locale al globale

di Antonio Denanni

Pinerolo Indialogo - Anno 2 - N.10 - Ottobre 2011

  Gli economisti più avveduti affermano che dietro le crisi si nascondono spesso cose più importanti di quelle che appaiono. Anche quella che stiamo vivendo non è solo una crisi economica, ma anche politica e sociale: è la prima nell’era della globalizzazione. Dietro il problema dell’economia è in discussione il significato e il ruolo della democrazia (e della politica) nell’età della globalizzazione.

Quindi una crisi profonda, probabilmente non di breve durata, come ha affermato di recente l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton: «Una crisi quando è seria, e questa lo è, può durare cinque o anche dieci anni».

Anche la nostra Pinerolo e il pinerolese devono entrare in questa dimensione globale e temporale dei problemi economico-sociali. Bisogna ragionare con visioni globali, per poi agire nel locale. In epoca di globalizzazione non è più pensabile programmare pensando solo alla propria città o al proprio territorio, bisogna unire le forze per pensare prima e poi per agire. Ad esempio è impensabile che Pinerolo programmi una politica di sviluppo, di turismo, di servizi, ecc. sganciata da Torino. Agganciarsi al capoluogo significa aprirsi ad un respiro mondiale. Le politiche che ne derivano (trasporti, ferrovia, insediamenti, ecc.) sono una conseguenza di questa scelta di fondo.            

Antonio Denanni


                                                                              
http://www.pineroloindialogo.it

Su facebook http://www.facebook.com/indialogo.apinerolo"
Su Issuu: http://www.issuu.com/pineroloindialogo