Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 


 Sport 


Gli sport invernali
Lo Sci Club Valchisone

di Andrea Obiso

Pinerolo Indialogo - Anno 2 - N.11 - Novembre 2011

 

 Questo mese affronteremo una categoria di sport non ancora trattata nella nostra rubrica, gli sport invernali, che hanno avuto un picco di popolarità dopo lo svolgimento delle Olimpiadi Invernali del 2006 a Torino e poi (ora!) anche per le polemiche sull’utilizzo degli impianti che le Olimpiadi hanno generato.

Fra gli sport invernali ci sono lo sci, il bob, lo slittino, l’hockey, lo snowboard e molti altri.

Come primo approccio a questo affascinante mondo abbiamo deciso di entrare dalla porta principale e trattare quindi lo sport invernale per eccellenza, ovvero lo sci.

Come ben saprete vi sono diversi tipi di sci: fondo, alpino, nordico, eccetera, eccetera, ma qualunque tipo si decida di praticare, sia da bambini che da adulti, è consigliabile iscriversi ad uno Sci Club, per scoprirne i segreti ed imparare a conoscere la montagna, la quale può essere molto pericolosa.

Abbiamo intervistato quindi un allenatore di terzo livello di questa gloriosa disciplina; Valter Blanc, che allena nello Sci Club Valchisone, anche per conoscere meglio questa società.

Quando è nato lo Sci Club Valchisone e chi lo ha fondato?
Lo Sci Club, innanzi tutto, si chiama "Valchisone-Camillo Passet" ed è nato nel 2001 dalla fusione di alcuni Sci Club della Valle.

Questo ci lascia intendere che non eravate pienamente soddisfatti della situazione che allora si respirava nella valle a livello di Sci Club. Sorge quindi spontanea una domanda: quali erano i propositi del nuovo Sci Club al momento della sua nascita?
Quando si è dato vita a questa iniziativa, che dopo dieci anni ancora sopravvive, l’intento era di creare uno Sci Club in grado di promuovere questa disciplina a livello agonistico fra i giovani.

Parliamo delle fasce d’età che riuscite a ricoprire.
Noi abbiamo iscritti appartenenti a diverse età, in generale fra i sei e i diciotto anni.

L’intento dello Sci Club, alla sua nascita, era quello di entrare a far parte di un ambiente agonistico. Siete riusciti nel vostro intento? Partecipate a gare o campionati agonistici durante la stagione?
Certamente, noi siamo iscritti a campionati sia regionali che nazionali, ovviamente a livello agonistico.

Immagino che in base all’età ed alla disciplina vi siano diversi allenatori; quale ruolo ricopre lei e quanti allenatori siete in totale?
Io sono direttore tecnico, ovvero coordino il lavoro tecnico.

In tutto siamo ventuno allenatori: quattordici per lo sci alpino, due per lo sci nordico e cinque per il salto.

Quando prenderà il via la stagione sciistica quest’anno?
Durante il ponte di Sant’Ambrogio, ovvero il sette di dicembre all’incirca. La stagione prosegue poi fino ad aprile quando vedrà la sua conclusione.

Possiamo presumere che il vostro non sia l’unico Sci Club nella Valle, quali altre società come voi ci sono e che rapporti avete con loro?
Oltre a noi ci sono altri due Sci Club sul nostro territorio. Ci lega, oltre che l’amore per lo sci, anche una sana rivalità sportiva, come è giusto che sia.

In conclusione, perché consiglierebbe lo sci a dei ragazzi o dei bambini che intendono intraprendere una nuova disciplina sportiva?
Perché oltre ad essere divertente e salutare è uno sport formativo e pulito.
Grazie per la chiacchierata ed in bocca al lupo per la nuova stagione!