Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Novembre 2011

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 


 Arte&Spettacolo 

Video trip e performance

My Generation

di Maurizio Allasia

Pinerolo Indialogo - Anno 2 - N.11 - Novembre 2011

  "La mia generazione ha perso", scriveva e cantava Giorgio Gaber nell’omonimo album del 2001.

Questa generazione in continuo cambiamento: sembra questa invece la scommessa di "My Generation – Media Youth Event", la manifestazione crossmediale creata e diretta dal critico e giornalista Umberto Mosca, giunta quest’anno alla quinta edizione e che ha visto nella tre giorni pinerolese (27-28-29 ottobre) una delle sue novità più interessanti.

A fianco dell’ormai affermato concorso nazionale "NickelClip" per videoclip italiani indipendenti, promosso dalla Città di Nichelino e da Videocircuito.it, l’importante novità di quest’anno è stata la prima edizione del concorso nazionale "VideoTrip – Video Performance Musicali Dal Video", svoltosi a Pinerolo nella serata conclusiva e patrocinato dall’Associazione Pensieri in Piazza.

Un concerto dal linguaggio misto, che ha proposto un’inedita contaminazione tra cultura musicale e linguaggio immaginifico. Una performance live arricchita dalla suggestione sconsacrata della Sala ItaloTajo, che ha visto esibirsi gruppi e solisti interpreti di generi musicali differenti, dal post-rock colto delle Altre Brutte Sorprese, primi classificati per la giuria tecnica e vincitori della tournée nei locali Arci di Pinerolo, Collegno e Saluzzo, al rock "della nuova generazione" dei The Alliance, vincitori del premio in denaro assegnato dal pubblico in sala. Secondi classificati sono stati i travolgenti "rapper a colori" degli Exxtra, mentre sul terzo gradino del podio si è piazzato il dark new wave delle Favole Nere.

Tutti gli artisti in gara, attraverso la creazione di video che hanno fatto da efficace "colonna visiva" ai loro brani, hanno confermato come il binomio immagini e musica sia inscindibile e consenta una sperimentazione parallela alla ricerca musicale, mostrando un’urgenza espressiva che si muove su un doppio binario, arricchito di idee visive innovative grazie all’uso delle nuove tecnologie.

My Generation a Pinerolo è stata anche la proiezione di "When you’re strange", il documentario sulla vita dei Doors e di Jim Morrison, diretto dal regista americano indipendente Tom DiCillo: la serata è stata l’anteprima della nuova stagione del Cineforum Pinerolo e allo stesso tempo il sequel ideale al film di Martin Scorsese sui RollingStones proiettato nella scorsa edizione della kermesse, riuscendo così a mostrare ai più giovani un’altra pagina della storia del rock.

La seconda serata è stata invece dedicata alla presentazione per il pubblico pinerolese di una selezione dei migliori prodotti video-musicali del concorso NickelClip 2011, ma soprattutto della prima visione di "WewillPorpyou", il docu nostrano sulle band locali, prodotto da un gruppo di studenti del Liceo Porporato nell’ambito del percorso di formazione sui linguaggi della videomusica rivolto alle scuole superiori.

Nella difficoltà di un panorama discografico che non riesce a dare opportunità e visibilità soprattutto ai gruppi emergenti, My Generation ha il suo punto di forza nel continuare a credere che un altro mondo musicale sia possibile: un mondo dove la ricerca di nuovi stili e nuovi linguaggi non sia un ostacolo, dove si possa osare senza conformarsi all’industria dell’orecchiabile. Senza diventare, per dirla ancora con Gaber, polli d’allevamento.