Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 Sociale&Volontariato 

L'Associazione "Il Raggio"

Un volontariato sociale per il Pinerolese

 

di Valentina Voglino

Pinerolo Indialogo - Anno 2 - N.1 - Gennaio 2011

L’anno 2010 ha visto, tra le altre cose, la rinascita dell’"Associazione Il raggio"; già nota in passato per il suo grandissimo operato sul territorio, e ora, risorta per continuare l’attività nel sociale.

Già conosciuta perché antenata dell’omonima cooperativa attiva nel campo dei servizi sociali, l’associazione è nata per mano di alcuni componenti della cooperativa sopra citata (ma è aperta a chiunque voglia contribuire al progetto), per dare continuità al loro operato, nel campo del volontariato. È importante sottolineare che l’associazione è del tutto svincolata dalla cooperativa. Si condivide il nome

ma si lavora su due piani diversi.

In sostanza, alcuni educatori, già operanti nel settore socio-sanitario e "capitanati" dal Presidente Marco Tealdo, si sono chiesti che cosa potessero fare, a livello di volontariato, per contribuire in qualche modo al miglioramento del loro territorio, attraverso quelli che sono i loro strumenti: sono nati così diversi progetti e moltissime idee sono ancora in cantiere, pronte per essere sviluppate.

Sono presenti progetti in campo artistico, sportivo, scolastico e tanto altro ancora; mirati a quelle che sono le fasce considerate più deboli, ma che in realtà tanto deboli non sono.

È dunque partito un progetto sportivo denominato "Diamo un calcio all’indifferenza", destinato alla creazione di una squadra di calcio per disabili intellettivi, affiliata ad una società calcistica già esistente; per partecipare ad un vero e proprio campionato sportivo. Il progetto parla la conosciutissima lingua dello sport, si snoda attraverso vittorie e sconfitte, ma mira molto più in alto, verso l’integrazione e il riconoscimento sociale.

Un altro progetto partito è quello destinato alle scuole, in modo più specifico all’IPSIA di Pinerolo. Riconosciuta come una realtà scomoda per chi lavora in ambito scolastico e avente la triste nomea di scuola di bassa categoria, l’IPSIA raccoglie invece un gruppo di ragazzi pieni di idee e di iniziative, a cui forse manca la capacità di relazionarsi con "l’istituzione "scuola e con gli insegnanti.

Dal colloquio con questi ragazzi per un precedente progetto, è nata l’idea di entrare dentro la scuola con un concetto ad hoc, mirato al riconoscimento dei ragazzi come parte attiva della scuola e della società. Questo progetto è in fase attiva e al momento si stanno raccogliendo dei questionari che verranno rielaborati, presentati e destinati alla creazione di uno "sportello" gestito dagli studenti, con la collaborazione di due educatori, per la creazione di eventi all’interno della scuola.

È in cantiere un progetto che partirà a breve, destinato all’adozione e alla tutela di un luogo simbolo di Pinerolo, tristemente noto per il disagio che rappresenta: la stazione di Pinerolo. Questo è un po’ il progetto simbolo dell’associazione, poiché destinato all’intera cittadinanza e contenitore di molte altre idee: dal banchetto gestito da operatori formati presso il Ser.T., sull’uso di sostanze stupefacenti, alla scuola di italiano itinerante per immigrati; dal monumento per le vittime della strada, allo sportello per il cittadino.

Come il detto irlandese secondo cui "se ognuno pulisce davanti casa sua, allora tutta la città sarà pulita", questo si che è un bel modo per intervenire sul proprio territorio e renderlo più bello!

L’associazione aspetta a braccia aperte chiunque volesse entrare a farne parte: non importa essere educatori o operatori nel sociale: l’importante è avere lo spirito giusto!

L’associazione ha sede legale a Villafranca Piemonte, in frazione San Luca 27, ed è contattabile tramite Marco Tealdo, al n. 3801708640