Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Ottobre 2013


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 Sociale & Volontariato 


La Pinerolo delle differenze etniche

Cibo e lingue di diverse tradizioni


a cura di Alice Albero
Pinerolo Indialogo - Anno 4 - N.10 - Ottobre 2013

  Pinerolo, come il resto del mondo, società globalizzata. Basta una passeggiata nel cuore della città per rendersene conto: pochi minuti scanditi da incontri multietnici, fisionomie che raccontano di terre lontane, linguaggi che superano confini e barriere, culture differenti che si fondono e confondono.

Il cibo scivola fuori dalla sua stretta definizione accademica per diventare qualcos’altro, un di più. Thailandese, Cinese, Giapponese, Arabo... il cibo parla molteplici lingue e con i suoi sapori ed elementi ci consente di viaggiare restando fermi. Ma quando si parla di globalizzazione culturale, anche a livello locale le difficoltà non mancano.

La paura dell’ignoto, di tutto ciò che non si conosce, spesso ci rende persone limitate, incapaci di aperture così importanti per un mondo che cambia in continuazione. L’ostilità verso l’integrazione ci rende sordi e muti, paralizzandoci nei nostri usi e costumi. E così facendo si smarrisce quella ricchezza che solo le diversità mescolate tra loro possono apportare.

Pinerolo è una città che parla diverse lingue, capace di mettere in comunicazione tra loro le differenze senza timore. È una società che vuole raccontare la sua storia anche attraverso le generazioni. Molto spesso però anche le città più fortemente desiderose di ottenere concreti risultati sul fronte culturale, incappano nell’errore di elencare i successi ottenuti, anziché puntare l’attenzione su quello che ancora andrebbe fatto. Delineare un piano di azione integrativa potrebbe essere la sfida del nuovo anno: un maggiore coinvolgimento di tutte quelle ricchezze etniche presenti nel nostro territorio con l’obiettivo di ottenere non solo un maggiore amalgama culturale, ma anche di rendere Pinerolo città delle stupefacenti diversità.