Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Novembre2013


Dialogo tra generazioni


Home Page :: Indietro
 Serate di Laurea 


 

Serate di laurea


Alberto Griffa e Aldo Martellotto

Energie rinnovabili e via Principi d'Acaja

 

 di Marianna Bertolino

 

Pinerolo Indialogo - Anno 4 - N.11 - Novembre 2013

   Serate di Laurea di Ottobre: due tesi per due progetti innovativi in Ingegneria e in Architettura.
   Il quarto anno di Serate di Laurea si è aperto con una tesi in Ingegneria Energetica dal titolo Analisi tecnico-economica delle dotazioni impiantistiche per un edificio energeticamente sostenibile, a cura di Alberto Griffa, il quale ha interessato il pubblico su una tematica di forte attualità quale l’uso delle energie rinnovabili. Le energie rinnovabili per la produzione di calore e di energia elettrica sono ancora poco usate in Italia, la cui situazione energetica vede l’impiego di fonti fossili soprattutto d’importazione, nonostante che, a seguito del protocollo di Kyoto del 1997, che prevedeva la riduzione di emissioni di gas serra, il nostro paese abbia ottenuto l’obiettivo con una minore incidenza del 7% e si stia avviando a raggiungere un nuovo obiettivo rappresentato dal cosiddetto 20-20-20, un’iniziativa promossa dalla Commissione europea per coinvolgere attivamente le città europee nella strategia europea verso la sostenibilità energetica ed ambientale (in particolare, esse si impegnano a rispettare l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra nocivi del 20% entro il 2020).Il giovane ingegnere ha mostrato lo studio e la realizzazione di un edificio (un’abitazione sita in Bricherasio) svoltosi nel 2008 per il quale il proprietario aveva commissionato l’uso di energie rinnovabili, dal geotermico per la produzione di calore al solare termico e fotovoltaico per la produzione di acqua calda e per il riscaldamento a pavimento nonché l’uso delle biomasse, giungendo alla conclusione che un tale impianto, cinque anni fa, non era comunque conveniente al fine del ciclo di vita (stimato in 20 anni) ma che attualmente, grazie agli incentivi i prezzi sono di molto diminuiti, rendendo più a portata di mano tale scelta.

Il secondo relatore della serata, Aldo Martellotto, ha presentato la sua tesi magistrale in Architettura dal titolo Pinerolo, via Principi d’Acaja: rilettura di un brano urbano tra conservazione e innovazione. In particolar modo, il giovane architetto ha analizzato storicamente le stratificazioni architettoniche che negli anni hanno plasmato e modificato la via più importante della nostra città, per poi giungere allo studio di un intervento non invasivo bensì "sostenibile" per il primo tratto di strada, ricompreso tra gli edifici storici del Palazzo del Vicario e del Palazzo del Senato. Come sappiamo questo tratto ha subito numerosi interventi tra i quali il più invasivo è stato quello che ha comportato la demolizione di tutta una linea di case sul lato ovest per via della loro insalubrità nel 1938, dandogli l’aspetto odierno. Il progetto ha riguardato la scelta di tre mappe storiche (1781, 1950, 2013) che su CAD sono state sovrapposte in modo da essere rievocate tramite materiali e colori nella pavimentazione, per dare alla via una dimensione diacronica con i "segni del tempo", l’apertura di spazi nel terrapieno adibiti a locali, in modo da ricordare la presenza di antiche botteghe, ed il mantenimento e l’attrezzamento per un migliore sfruttamento del verde.