Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Febbraio 2013


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

Storie 



Irene racconta...

500 giovani per Irene
Una gara di solidarietà a favore della giovane piscinese affetta da leucemia.


di Francesco Turina

Pinerolo Indialogo - Anno 4 - N.2 - Febbraio 2013

 
Durante il mese di Gennaio l’ADMO, Associazione dei Donatori di Midollo Osseo, ha organizzato per Irene e per tutti i malati di leucemia una giornata di tipizzazione ed iscrizione al registro mondiale dei donatori di Midollo Osseo/Cellule Staminali. Questo appuntamento con la solidarietà è stato preceduto da una serata informativa a cui hanno partecipato oltre 500 giovani ed adulti provenienti da tutto il pinerolese che hanno letteralmente riempito la Chiesa Parrocchiale di Piscina. La serata è iniziata con le parole della lettera che la stessa quindicenne Irene ha inviato alla sua classe per raccontare emozioni e sensazioni provate quando ha scoperto di essere ammalata. È quindi seguita un’interessante presentazione su tutti gli aspetti della tipizzazione con la testimonianza di due giovani che hanno avuto l’occasione di essere donatori.

Esattamente una settimana dopo, sabato 26, si è passati dalle parole ai fatti: per tutta la giornata un via vai di giovani poco più che ventenni si è presentata alla sede AVIS di Piscina per farsi tipizzare. Ecco la testimonianza di un volontario: "La frase che ho sentito dire più volte oggi durante il tempo passato alla sede Avis per l’iscrizioni alla banca dei donatori di Midollo osseo è stata: «Alla faccia di chi dice che i giovani non sono più capaci di donare e che non sono altruisti!» E riflettendoci ora con in mano i dati della partecipazione, 232 nuove iscrizioni, sento che l’affermazione è proprio vera.

Troppo spesso ci vogliono far credere che i giovani siano dei mammalucchi egoisti, incapaci di fare un piccolo sforzo, un piccolo gesto per gli altri... Oggi ciascuno di noi è stato capace di sfatare questa bugia; con un piccolo gesto abbiamo dato la possibilità ad un malato sconosciuto di intravedere una luce in fondo al tunnel della sua malattia e questa luce si chiama SPERANZA."

Domenica 27, si è tenuto lo spettacolo musicale di conclusione della settimana: "Un uomo venuto da molto lontano" della band THE HOPE e del gruppo di attori HOP HOPE di Bibiana con lo scopo di raccogliere fondi da devolvere all’ADMO per finanziare nuove tipizzazioni.

Da questa massiccia partecipazione e affetto Irene e la sua famiglia hanno ricevuto sicuramente una forte carica per affrontare i prossimi duri mesi di ospedale.

"Donatore ADMO, donatore di vita". Francesco Turina