Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Ottobre 2014

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 


  Visibili & Invisibili


Il Gruppo Giovani Amnesty Pinerolo

Stop alla discriminazione della comunità rom

di Amnesty Gruppo Giovani, Pinerolo

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.10 - Ottobre 2014

  Amnesty International ha salutato con favore l’azione della Commissione Europea mirata a porre fine alle discriminazioni nelle scuole nei confronti dei rom in Repubblica Ceca.

Il 25 settembre 2014 la Commissione Europea decide di iniziare una procedura di infrazione nei confronti della Repubblica Ceca per mancanza di adesione della normativa nazionale alla normativa europea anti-discriminazione. La legge nazionale – infatti – creando classi monoetniche e destinando alunne e alunni di origine rom in scuole destinate a persone affette da lieve disabilità, secondo la Commissione, violerebbe le norme europee che tutelano l’uguaglianza e la parità di trattamento di tutti i cittadini.

Amnesty International, con la campagna "Per un’Europa senza discriminazione", si è più volte opposta a leggi nazionali in vigore in alcuni degli stati europei che discriminano le comunità rom, soprattutto in relazione all’istruzione scolastica che rappresenta il più importante strumento di integrazione nella società.
All’interno della campagna vengono toccati i temi del diritto all’alloggio, dell’uguaglianza nell’accesso al lavoro, della parità di trattamento nelle cure ospedaliere e dell’uguaglianza nell’accesso all’istruzione. Alcuni paesi tra cui Repubblica Ceca, Slovenia, Repubblica Slovacca e Ungheria hanno dimostrato più volte di non rispettare questi e altri diritti garantiti e riconosciuti dal diritto europeo e da numerose Convenzioni internazionali tra cui la Convenzione ONU sui Diritti Economici, Sociali e Culturali del 1966.

L’azione della Repubblica Ceca considerata discriminatoria nei confronti delle comunità rom è ora all’attenzione delle autorità europee e ci auguriamo che sia un primo esempio di successive prese di posizioni istituzionali contro casi di discriminazione delle popolazioni di etnia rom.