Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Ottobre 2014


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

Arte, Mostre, Musei 



Summerfest
San Pietro Val Lemina

Intervista a Simone Ardito, secondo classificato al premio di Street Art


di Chiara Gallo 

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.10 - Ottobre 2014

 

   Sta studiando al Liceo Scientifico di Pinerolo e nel frattempo pensa già all’Università di Design dell’Automobile, Simone Ardito, 19 anni e una grande passione per il disegno, è il vincitore dell’edizione 2014 del Premio di Street Art organizzato dalla manifestazione Summerfest di San Pietro. Conosciamo meglio quindi questo giovane artista.
  
Qual è stato il tuo percorso e come mai ti sei avvicinato al mondo della Street Art?
Ho sempre amato disegnare. Quand’ero piccolo utilizzavo solamente la fantasia per creare i soggetti più inverosimili. Crescendo ho cominciato a sperimentare varie tecniche e a rappresentare diversi personaggi, dai più semplici ai più
complessi. La vera passione però è nata quando, conoscendo meglio il mon

do dei fumetti, ho iniziato ad osservare ed ammirare i disegni presenti al loro interno. In questo ultimo periodo mi sto dedicando maggiormente allo studio delle automobili, un’altra mia grande passione. Per quanto riguarda la Street Art, mi ci sono avvicinato per la prima volta proprio quest’estate in occasione del contest al quale ho partecipato.
Quali sono le tecniche e gli stili che prediligi?
Da due anni ormai mi dedico alla grafica utilizzando il sistema Photoshop accompagnato da una tavoletta grafica per le realizzazioni al computer. Non ho sicuramente abbandonato le tecniche tradizionali come l’utilizzo della china o delle matite acquerellabili su carta, ultimamente però prediligo il digitale perché mi permette di realizzare degli effetti differenti, in grado di rendere le mie tavole ancora più realistiche.
Come hai trovato il soggetto che ti ha permesso di arrivare secondo al concorso di Street Art?
Non avendo nessun tipo di esperienza con i murales e con la Street Art ho scelto Super Mario in quanto l’ho ritenuto un soggetto semplice, ma che contiene molte forme geometriche adatte al contest e non troppo difficili da realizzare. Inoltre, essendo vicino ad un parco giochi, ho pensato ad un soggetto che fosse colorato per poter attirare l’attenzione delle persone, in particolare quella dei più piccoli. Sono davvero contento per il secondo posto ottenuto e soprattutto che la mia idea sia stata apprezzata.
Cosa ne pensi della diffusione di questo genere artistico sul territorio? Pensi sarebbero apprezzate altre iniziative simili?
Penso che sia un’ottima cosa. Se realizzati con cura, i murales sono in grado di dare spettacolo e di cambiare completamente l’atmosfera del luogo. Tuttavia è un’arte che ancora fatica ad essere accettata dalla società, in molti erroneamente associano la street art al vandalismo. Sostengo quindi che dovrebbero essere organizzate più spesso iniziative di questo tipo, in modo che le persone comincino a conoscere e apprezzare meglio questo genere artistico.
Progetti per il prossimo futuro?
Terminare gli studi scientifici e iscrivermi all’Università di Design dell’Automobile.