Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Ottobre2014

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Sociale & Volontariato


Per differenti strategie di sostegno allo sviluppo

La Rishilpi si fa in due

di Antonio Denanni

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.10 - Ottobre 2014

   

La Rishilpi Development Project, fondata a Pinerolo il 15 novembre 2002 da alcuni amici di Laura Melano e di Enzo Falcone per sostenere la loro omonima missione umanitaria in Bangladesh, per ragioni di differenti strategie di sostegno allo sviluppo si è divisa dando origine ad una seconda associazione denominata Rishilpi International - Progetto Uomo con sede a Milano. Il nucleo storico dei fondatori della Rishilpi pinerolese ha deciso di ampliare l’idea originaria di sostegno ai poveri del Bangladesh estendendola ai poveri di tutto il mondo e anche alle nuove povertà che avanzano sempre di più anche in Italia, specialmente quelle legate alla disoccupazione, in particolare giovanile, per cui conta di collaborare anche con la nostra associazione Onda d’Urto per portare avanti dei progetti in comune.

In questi dodici anni di attività la Rishilpi pinerolese ha convogliato verso la Rishilpi bengalese ben 7 milioni di euro di aiuti, raccolti principalmente attraverso l’adozione a distanza.

La decisione di separarsi è stata avallata dall’ultima assemblea di bilancio dell’aprile scorso. Ora la Rishilpi bengalese di Laura ed Enzo Falcone farà capo a Milano, mentre quella pinerolese, che per ora continuerà a mantenere il nome Rishilpi si dedicherà ai poveri di tutto il mondo, compresi quelli italiani e pinerolesi, servendosi ancora del metodo dell’adozione dei progetti a distanza e di prossimità.

Dice il presidente Dal Col: "Nonostante l’amarezza per la divisione, ripartiamo con una nuova avventura e con tanto entusiasmo come dodici anni fa, perchè i poveri sono tanti e ci aspettano a braccia aperte; in questo campo non ci devono essere gelosie, c’è spazio per tutti".