Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Novembre2014


Dialogo tra generazioni


Home Page :: Indietro
 Serate di Laurea 


 

Serate di laurea con Valeria Rolih e Enrico Comba

Il fotogiornalismo di guerra e il test su un vaccino antitumorale  

 di Gabriella Bruzzone

 

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.11 -Novembre 2014

Venerdì 24 ottobre abbiamo inaugurato la quinta stagione di Serate di Laurea, presentando la tesi di Enrico Comba, laureato all’Accademia Albertina di Belle Arti in Nuove tecnologie dell’arte, e il lavoro di Valeria Rolih, laureata magistrale in Biotecnologie Mediche.

 

Enrico ha introdotto il suo elaborato, dal titolo Il fotogiorna-lismo di guerra. Da Robert Capa al mondo digitale, illustrando il sito realizzato sui fotoreporter di guerra. Diviso in tre sezioni, ognuna dedicata a un periodo storico differente, il sito offre sia una parte biografica sia una parte fotografica. Tra i lavori scelti, le fotografie di Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Tony Vaccaro, realizzate durante la guerra civile spagnola, la seconda guerra mondiale e la guerra in Indocina. Arrivando ai giorni nostri, invece, notevole è il lavoro svolto da due fotoreporter italiani e giovanissimi, Bucciarelli e Di Lauro, impegnati a documentare il difficile momento vissuto dal Medioriente.

Con la diffusione del web, anche la figura del fotogiornalista cambia e si adatta alle nuove tecnologie. La macchina fotografica digitale ha sicuramente avuto effetto sul lavoro del reporter, migliorandolo e velocizzandolo.

Valeria Rolih ha invece illustrato il suo lavoro durato due anni, svolto in collaborazione con l’Università di Parma. Test preclinici di un vaccino basato sull’herpes bovino di tipo 4 utilizzato per la cura del tumore alla mammella ErbB2+ riguarda lo studio condotto sull’herpes-virus bovino 4, proposto come vettore per la vaccinazione anti-tumorale, data la sua ridotta patogenicità e assenza di oncogenicità dimostrata. Il vaccino è stato testato a due differenti stadi tumorali. I risultati ottenuti sono buoni, tanto da poter consentire lo sviluppo futuro di nuovi protocolli immunoterapeutici, eventualmente applicabili alla realtà clinica. Requisito fondamentale per la formulazione del vaccino è una produzione semplice, vasta ma economica.