Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 


 

Pinerolo Indialogo Maggio 2014

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Officine del suono 


Musica emergente

Gli Skamarcio


di Isidoro Concas

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.5 - Maggio 2014

 

   "Torpedone" è il nome del loro primo album, uscito a fine 2013: una miscela autoprodotta di cover riarrangiate, brani originali e tempi in levare. Loro sono gli Skamarcio, gruppo ska/rocksteady di Villar Perosa in attività da quattro anni e già pronto ad invadere col loro sound Torino, dove il 9 di maggio suoneranno per la seconda fase dell’Emergenza Festival.

Allora, voi Skamarcio nascete nel bacino di Villar con una formazione nata dalle ceneri di diverse altre band dove molti di voi si erano già trovati a fare musica insieme, spesso suonando altri strumenti (ognuno di voi è polistrumentista) ed altri generi musicali. Come siete arrivati alla conclusione che lo ska fosse ciò che fa per voi?
  Dici bene. Infatti siamo nati un po’come "gruppo di sostegno per suonatori di altri gruppi", chiamiamolo così. Principalmente per fare un genere che ci divertisse suonare, ma che fosse godibile anche per chi ci avrebbe ascoltato. Lo ska ha subito soddisfatto questi requisiti (poi gradualmente è stato contaminato da reggae, rocksteady e dai nostri gusti personali) e ci siamo dati alle cover, mentre gli altri progetti continuavano. Ci abbiamo messo un po’a ingranare, specialmente con i fiati, terreno a noi fino a quel momento sconosciuto. Pian pianino però le cose miglioravano, e questo side-project ha cominciato a premere contro le pareti della nostra saletta, perché voleva uscire, diventare più che un passatempo. E allora dopo ormai -fa impressione a dirsi- 4 anni, eccoci qui.

Nell’album le cover si fanno notare per l’originalità della scelta, con brani di artisti decisamente fuori dal repertorio ska tradizionale. Come avete scelto queste canzoni?
 
Le scegliamo proprio perché sono lontane dalla musica ska, e il bello sta proprio del trasformarle completamente, sia come arrangiamento che come approccio. Ci piace riarrangiare pezzi che con il nostro genere hanno poco o nulla da spartire, metterci alla prova per dar loro un nuovo abito; ad esempio, chi l’avrebbe mai detto che i Mumford & Sons potessero essere riproposti in versione dub? Noi no, di certo. Proprio per questo ci abbiamo provato!

Alessio, Mauro, voi conducete insieme a Valerio Suppa una trasmissione su Radio Beckwith (Random Off, ogni mercoledì dalle 21): come ci si sente ad essere sia nei panni di chi produce musica che in quelli di chi la propone? Questa esperienza vi ha insegnato qualcosa a livello musicale?
  L’esperienza della radio è innanzitutto una cosa che avremmo voluto provare, e adesso ci siamo tolti lo sfizio. Per quello che riguarda i gusti musicali non li ha modificati particolarmente, tutt’al più ci ha fatto riscoprire parti della nostra conoscenza che erano rimaste in ombra, come capita spesso a chi ascolta musica. Di certo molto hanno contribuito gli ascoltatori che attraverso le loro proposte talvolta ci hanno fatto conoscere artisti, brani, album. Tutto questo non fa che contribuire alla grande varietà di gusti anche all’interno degli Skama, che poi si sintetizzano nel semplice gusto di suonare, inventare, sperimentare e divertirsi.

Prima di finire, quali sono i vostri futuri progetti musicali? Avete dei contatti tramite i quali possiamo tenerci aggiornati?
 
Siamo in gara all’Emergenza, contest internazionale che ci ha visti superare la prima fase regionale. Adesso ci aspettano le semifinali e una data al La Claque di Genova, sempre grazie alla vittoria nella prima eliminatoria. Per il resto, suoniamo in giro quando ci capita e quando meno ce l’aspettiamo, quindi andate su Facebook e piaceteci alla pagina Skamarcio. Su Youtube c’è qualche brano del nostro primo disco, ne abbiamo ancora qualche copia: se la desiderate contattateci e vi mostreremo la via skamarcia!