Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 


 

Pinerolo Indialogo Luglio 2014

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Officine del suono 


Musica emergente

Gli Henderwyd


di Isidoro Concas

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.7-8 - Luglio 2014

 

  Gli Henderwyd sono una band Folk Metal di Luserna San Giovanni in attività da quattro anni, guidata dai fratelli Simone ed Erich Malan, unici membri fondatori rimasti. Hanno all’attivo un EP e diversi live nei maggiori eventi italiani del loro genere, e sono al lavoro per il loro prossimo album, che promette un deciso cambio di sonorità. Ne abbiam voluto parlare direttamente con loro.

Nei vostri ultimi concerti oltre ai riarrangiamenti dei vostri vecchi pezzi avete eseguito alcune canzoni di recente composizione, e nella vostra pagina Facebook avete annunciato di essere al lavoro per fare uscire un nuovo album: ci sono degli aggiornamenti che volete darci?
Allora: rispetto al nuovo cd, il progetto in sé è completo, ora stiamo lavorando sulle canzoni, e ce ne sono praticamente tre complete e abbiamo tanto materiale accumulato in questo periodo da utilizzare. A breve usciranno le nuove magliette di questo progetto. Una delle future novità sarà l’accostamento del violino e del violoncello elettrico che produrranno sonorità d’impatto.

Negli ultimi due anni la line-up del vostro gruppo è mutata sotto diversi aspetti, sia in quanto a membri che in quanto a strumenti, come si è potuto sentire nei vostri live più recenti. In che modo il vostro sound è andato sviluppandosi con l’apporto di questi nuovi elementi?
Il sound e i membri sono cambiati parecchio, ora stiamo cercando di consolidare la formazione e creare qualcosa di originale che ci possa caratterizzare, e siamo ancora in cerca di un secondo chitarrista. Per quanto riguarda le nuove sonorità, con l’introduzione del violino e del violoncello elettrico cerchiamo un genere che abbia sonorità che trasmettano al massimo le sensazioni proposte e che immergano l’ascoltatore come in un mondo a parte. Un po’ come fa la musica da film, ma noi lo facciamo in concerto.

Il vostro gruppo ha la base nella Val Pellice, ma Simone, vostro tastierista e violoncellista, abita da un anno a Milano: come siete riusciti a coordinarvi a distanza, ad organizzarvi per provare e comporre?
Non è stata facile organizzarci, però tornando in valle una volta alla settimana o ogni due si riesce a lavorare lo stesso. Un esempio: per la composizione ognuno, quando ha un’idea, registra le bozze che produce e le invia agli altri, e poi quando ci si trova tutti insieme le si rielaborano. Tramite Skype è difficile perchè la connessione non è immediata.

I vostri testi hanno molti riferimenti ai miti ed alle leggende: quali culture vi hanno influenzato di più nella composizione della vostra musica, e sotto quali aspetti?
Nei vecchi testi Dennis (il nostro precedente cantante) si era ispirato a miti e leggende celtiche, mentre nei futuri brani cercheremo di fare un’allegoria di messaggi, sensazioni, situazioni ed emozioni moderne attraverso uno scenario antico ispirato ad avvenimenti realmente accaduti alla popolazione celtica della Taurasia che viveva qua in Piemonte.

L’estate è in arrivo, e spesso è periodo decisamente fertile per i gruppi: quali sono i vostri futuri impegni? Come vi possiamo seguire?
Le future date importanti sono il 28 giugno a Perosa alla Tavolata Della Solidarietà, che punta a battere il Guinness mondiale (ci saranno probabilmente 4000 persone) e poi il 2 Agosto al Malpaga Folk-rock Festival al Castello di Malpaga vicino a Bergamo. Ci potete trovare su Facebook, ed è online da alcuni mesi il nostro sito, www.henderwyd.com.