Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Marzo 2015

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Giovani & Lavoro 

L'innovazione nel Pinerolese/ 1
Intervista ad Alessandro Buson, figlio del fondatore Giorgio

La Provel-3D System, leader mondiale


di Aurora Fusillo

Pinerolo Indialogo - Anno 6 - N.3 Marzo 2015

   Pinerolo non è solo un territorio in crisi economico-occupazionale, ma vi sono anche aziende di pregio che fanno innovazione. Una di queste è l’azienda Provel, che ha il suo stabilimento alla Porporata.

Abbiamo incontrato Alessandro Buson, giovane ingegnere figlio di Giorgio Buson, presidente e fondatore dell’azienda italiana leader nella costruzione di prototipi e stampi rapidi.

Ci racconta com’è nata la Provel?
Partecipando ad una fiera, mio padre ha visto in azione una stampante 3D ed ha capito subito la potenzialità della tecnologia 3D. Così ha acquistato la prima stampante ed ha iniziato a fornire il servizio di prototipazione alle piccole e grandi aziende, soprattutto a quelle del settore automotive, che hanno la necessità di sviluppare prototipi in maniera rapida. Provel opera in questo settore dal 1994.

Chi sono i clienti della Vostra azienda?
Noi lavoriamo con tutte le più grosse e piccole realtà del mondo industriale; ovviamente, vista la vicinanza con Torino, il mercato di riferimento è l’automotive, ma lavoriamo anche nel settore dell’elettrodomestico, dell’elettronica, del design. Si lavora anche nell’aerospace e nel medicale.

Ci spiega brevemente come avviene questo processo delle stampanti 3D?
Si tratta di una fabbricazione additiva; si aggiunge del materiale per strati, quindi solo dove serve. Il vantaggio della stampa 3D, oltre a permettere di ottenere parti e prototipi in tempi brevi, senza dover ricorrere ad attrezzature costose con tempi lunghissimi, è dato dal fatto che si possono anche ottenere geometrie che altrimenti non sarebbero realizzabili, ad esempio una sfera all’interno di un’altra sfera. Questa tecnologia cambierà il modo di produrre, ma non sostituirà la produzione di massa.

L’azienda americana 3D System vi ha acquisito. Come è successo?
Ci hanno cercato loro. Dopo aver acquisito alcune aziende negli Usa, la 3D System (che ha inventato la stampa 3D depositandone il brevetto a metà degli anni ‘80, oggi leader mondiale) si è rivolta al mercato industriale europeo e indagando su quali erano i migliori service a livello europeo, ci ha "beccato". Nel modo di lavorare siamo autonomi e da quando ci hanno acquisito, come organico siamo quasi raddoppiati.

Un consiglio per un giovane laureato del pinerolese. Ci può essere posto nel territorio?
L’Università è una grandissima risorsa e deve insegnare ad analizzare i problemi e ad individuare le soluzioni. Deve aprire la mente insegnando a pensare; bisogna poi fare tesoro di quello che l’Università insegna e continuare il processo di apprendimento in maniera autonoma. Oggi la laurea non è più fondamentale e bisogna ragionare in termini globali, perché lo spunto per una buona idea difficilmente arriva stando sempre tra le quattro mura di Pinerolo. Bisogna attingere a livello globale e poi applicare anche a livello locale. In Italia si parla tanto di innovazione, bisogna iniziare a farla, partendo anche dalla scuola. Nel territorio ci può essere posto, ma bisogna avere le idee giuste e uscire dagli schemi.