Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Settembre 2015

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Spazi Sonori

Francesca Villiot 

"Mi piacerebbe che fosse un'occasione d'incontro"

di Sara Nosenzo

Pinerolo Indialogo - Anno 6 - N.9 Settembre 2015

 
 

L’iniziativa "Spazi Sonori – Quattro chiese per quattro concerti" è stata curata dalla violoncellista pinerolese Francesca Villiot, collaboratrice dell’Associazione Onda d’Urto.

Come è nato il progetto "Spazi Sonori"? Ce ne puoi parlare?
Collaboravo da qualche mese con l’Associazione Onda d’Urto come referente per i bandi. Abbiamo attivato un servizio di consulenza, rivolto in particolare ai giovani, che mira a facilitare la conoscenza dei bandi promossi da enti pubblici e privati e fornire un supporto per la compilazione. Nell’ampio panorama di attività per le quali è possibile richiedere un contributo, un settore importante è rappresentato dalle iniziative culturali. Mi è sembrata l’occasione giusta per provare a realizzare un’idea che avevo maturato negli anni, durante il mio percorso di formazione musicale. Abbiamo quindi pensato di presentare un progetto alla fondazione Crt, che ha deliberato di finanziarlo in parte.

Che obiettivi si pone questo progetto?
Mi piacerebbe che Spazi Sonori fosse un’occasione di incontro e di scambio per tutte le persone coinvolte: pubblico, musicisti, organizzatori, sostenitori. Da qui l’idea di ospitare musicisti di formazione e provenienza geografica diverse, di proporre repertori e formazioni per alcuni aspetti inusuali, di favorire la scoperta o riscoperta di luoghi suggestivi (le quattro chiese), di avvalersi, per la parte organizzativa (grafica, stampa, pubblicizzazione, riprese audio e video) della collaborazione di giovani professionisti operanti sul territorio.

Ci parli dei musicisti coinvolti?
Il Synchronos Duo, Lorenzo Guidolin e Lorenzo Barbera, che aprirà la rassegna il 26 settembre presso l’Abbazia di S. Maria di Cavour, proporrà un viaggio nel mondo delle percussioni, dedicando ampio spazio alle sonorità morbide e calde degli strumenti a tastiera (marimba e vibrafono). Il programma spazierà da arrangiamenti di composizioni classiche (J. S. Bach, M. Ravel), a partiture contemporanee (S. Reich, A. Morag, C. Corea), a composizioni originali scritte appositamente dai componenti del gruppo.

L’ensemble svizzero composto da Valerio Zanolli, Mathilde Gomas, Ricardo Leitão Pedro, Rui Staehelin, il 3 ottobre nella Chiesa di S. Pietro in Vincoli di Villar Perosa, affronterà brani del Rinascimento e Barocco italiani per voce accompagnata da viola da gamba e due liuti. Come suggerisce il titolo del concerto, il pubblico potrà ascoltare le Canzonette degli antichi cantautori, e apprezzare le sonorità degli strumenti dell’epoca.

Il Duo Ikeda-Di Mauro, formato dalla violinista giapponese Kazuyo Ikeda e dal chitarrista siciliano Rosario Di Mauro proporrà, il 16 ottobre, musiche del XIX e XX secolo, nell’affascinante cornice della cappella della frazione Stella di Macello.

Il Promenade Cello Ensemble, nato da un’idea del Maestro Luca Simoncini, è composto da quattro violoncelli (Luca Simoncini, Marco Venturini, Luca Giovannini e Francesca Villiot) e un pianoforte (Davide Furlanetto) che eseguiranno brani tratti dalle Passioni bachiane, appositamente trascritti dal Mae-stro David Vicentini, venerdì 30 0ttobre presso la Chiesa del Colletto.