Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 
 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Novembre 2016


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 Benchmarking territoriale 



Il terremoto e la volontà di ricostruire: 
l'esperienza di Chicago

L’Home Insurance Building per ricostruire l’identità

 

di TAC - www.tac-lab.it

Pinerolo Indialogo - Anno 7 - N.11 - Novembre 2016

L’argomento di maggior attualità è sicuramente il gravissimo susseguirsi di scosse di terremoto che sta devastando il centro Italia. Alla luce dei tragici eventi molti studiosi ed esperti del settore hanno subito compreso che è fondamentale focalizzarsi sulla diagnostica per fare in modo che eventuali future scosse di terremoto non generino altrettanti morti e altrettanti danni.

La volontà di tutti è stata subito quella di pensare all’immediata ricostruzione poiché siamo tutti convinti che ricostruire è l’unico modo per ricucire non solo il tessuto urbano, ma anche e soprattutto il tessuto socio-culturale, indispensabile per porre delle basi solide per un nuovo futuro.

Lo Stato deve farlo per la sua parte negli edifici pubblici, ma allo stesso tempo deve favorire – come si è fatto per l’uso delle energie rinnovabili – attraverso agevolazioni l’intervento sugli edifici privati con l’obiettivo di restaurare quello che può essere recuperato e laddove la ricostruzione fosse impossibile, inventare qualcosa di nuovo. Con coraggio.

Ciò che risulta evidente è come tutto questo sia difficile e delicato. L’obiettivo principale è di sradicare la paura per evitare che certi luoghi vengano demonizzati; l’aspetto principale risulta pertanto quello di focalizzarsi sul modus operandi, sull’analizzare al meglio il pericolo per potere offrire il "riparo più opportuno"; l’architetto e senatore Renzo Piano si è speso in prima persona proponendo costruzioni basate sul sistema costruttivo in legno, con il fine di presentare una soluzione semplice ed efficace per ricreare un nuovo tessuto urbano capace di far sentire le persone "al sicuro".

Ciò che sembra fondamentale è comprendere che un evento catastrofico, che distrugge e demolisce l’intera storia e l’identità di una città, di un paese e di un territorio - per quanto non potrà mai essere domato - è stato in passato un componente che ha modificato la cultura del costruire fino a definire la nuova conformazione stessa di alcune città.

L’esempio più significativo è indubbiamente l’incendio che ha devastato la città di Chicago nel 1871. Il grande incendio di Chicago è storicamente considerato uno delle più grandi catastrofi statunitensi del XIX secolo, nel quale persero la vita centinaia di persone e vennero bruciati oltre 6 km2 della città.

Tuttavia subito dopo l’incendio la ricostruzione fu fulminea, e durò pochi anni; la necessità di costruire strutture più sicure fu l’obiettivo principale e la volontà di creare una nuova identità fu tanto forte che la paura venne tradotta in slancio propositivo; l’obiettivo non fu solo più quello di ricostruire, ma nacque l’esigenza di sperimentare per creare un’identità nuova e più forte della città: nacque una vera e propria Scuola di Chicago che promuovendo la tecnologia costruttiva in acciaio, mise le basi per la costruzione di un nuovo tessuto urbano e di una nuova socialità più forte e più sicura. Tra gli edifici costruiti ex novo, va menzionato l’Home Insurance Building, il primo grattacielo della storia.

La ricostruzione, avvenuta immediatamente dopo l’estinzione dell’incendio, avviò un processo che portò Chicago ad essere una delle più importanti città americane.