Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 
 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Dicembre 2016


Home Page :: Indietro

 Editoriale 

Per il rilancio di Pinerolo 

Salvai: a Londra, a Londra...

di Antonio Denanni

Pinerolo Indialogo - Anno 7 - N.12 - Dicembre 2016

 
Una delle poche idee innovative che ci sono state nelle ultime elezioni amministrative è stata il pensare Pinerolo come città europea.

Proviamo a immaginare in termini concreti che cosa questo significhi, confrontandosi anche con città veramente europee come Londra o Berlino. Quali sono gli elementi qualificanti di queste città? Ne elenchiamo alcuni: innanzitutto l’apertura ai popoli europei e mondiali, con un forte appeal verso queste culture e verso le nuove generazioni; forti capacità innovative e creative; forte attrazione turistica con musei e istituti di cultura; forte attrazione di capitali, ecc.
La Pinerolo europea di cui parlavano i giovani di SSP è in grado di realizzare qualcuno di questi elementi?
Per la verità Pinerolo e il Pinerolese non sono nuovi a un respiro europeo, soprattutto in campo culturale ed economico, per via del legame del mondo valdese col mondo protestante europeo. Nella seconda metà dell’Ottocento diversi capitali europei sono affluiti nel territorio dando origine ad aziende come la Videman, la Gutermann, la Turck e poi nel Novecento sono arrivati gli svedesi della Mustad e della SKF, più avanti la Freudenberg ed altri (pure gli Acaja sono arrivati da oltralpe!)... Ora embra che il territorio abbia perso appeal (e relazioni!) non solo a livello industriale, ma anche turistico dove non c’è mai stata una vera progettualità.
Tempo fa abbiamo letto che il sindaco di Milano Sala si sarebbe recato a Londra per studiare da vicino la società pubblico-privata, la London&Partners (www.londonandpartners.com) che per conto della capitale inglese promuove il turismo, la finanza e la possibilità di fare impresa a Londra, a quanto pare con grande successo.
E se dopo Sala andassero a Londra i nostri amministratori con Salvai in testa? Sarebbero soldi ben spesi, molto di più di quelli spesi per le solite stereotipate visite e cene alle città gemellate.
Salvai, Costarelli, a Londra a Londra... il rilancio per Pinerolo può arrivare solo da fuori!

Antonio Denanni

                                                                        
Sul web http://www.pineroloindialogo.it
Pure  http://www.pineroloindialogo.it/eventi
Su facebook  http://www.facebook.com/indialogo.apinerolo
Su facebook 
http://www.facebook.com/ondadurtopinerolo
La rivista da sfogliare: http://www.issuu.com/pineroloindialogo