Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Febbraio 2016


Home Page :: Indietro

 Editoriale 

Sindaco: innanzitutto il dialogo!

di Antonio Denanni

Pinerolo Indialogo - Anno 7 - N.2 - Febbraio 2016

 
Alcuni giovani che vogliono avvicinarsi alla politica tra le persone consultate hanno sentito anche me. Dopo averli incoraggiati a continuare [in qualsiasi partito vogliano militare!], perchè la città ha bisogno di loro, di idee fresche, di entusiasmo, di energia, di creatività, che solo i giovani sanno dare, ci siamo addentrati in tematiche più concrete. Uno di loro a bruciapelo mi ha chiesto: "Qual è la qualità principale che deve avere un sindaco?" (pensando ovviamente a quello che verrà eletto a Pinerolo a maggio). Ci ho pensato un po’ e dopo un attimo di esitazione ho risposto: "dev’essere capace di ascoltare!".

Riflettendo a posteriori su quella risposta mi sono convinto che è stata la risposta giusta. La prima qualità che deve avere un sindaco è quella dell’umiltà e della capacità di ascolto della gente, dei propri collaboratori, degli esperti, di coloro che avanzano idee e proposte per la città. Deve avere una tale sicurezza di sè da avere la forza di aprirsi ai cittadini per cogliere il meglio, il nuovo, superando la superbia di pensare di sapere e di conoscere tutto, perchè anche chi è un pozzo di scienza la soluzione di problemi enormi o la maturazione di idee a volte le trova in incontri o dialoghi occasionali (un industriale pinerolese che ha fondato un’azienda all’avanguardia nelle stampanti 3D mi ha detto che l’idea gli è nata in Germania ad una fiera).

Si tratta, in piccolo, di applicare il principio della politica partecipativa, che mobilita le energie e il meglio della città. Essendo uomo di ascolto il sindaco può poi essere a ragione uomo dalle decisioni autorevoli, cioè uomo che discerne fra i vari input e proposte ricevute e in coscienza decide [qui sì che c’è la solitudine del sindaco!].

Noi crediamo che stia qui il più grande errore del sindaco Buttiero [quante volte si è parlato di "superButtiero!"], come di altri sindaci più noti (ad es. Marino), che li ha resi invisi oltre che a una parte del proprio partito anche a un buona fetta di persone della propria città.

Il dialogo non solo arricchisce chi lo pratica, ma anche la città. Ed è pure una scappatoia per il sindaco di turno in caso di difficoltà o fallimenti.

Antonio Denanni

      

                                                                        
Sul web http://www.pineroloindialogo.it
Pure  http://www.pineroloindialogo.it/eventi
Su facebook  http://www.facebook.com/indialogo.apinerolo
Su facebook 
http://www.facebook.com/ondadurtopinerolo
La rivista da sfogliare: http://www.issuu.com/pineroloindialogo