Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 
 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Dicembre 2017


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 L'ambiente siamo noi


Fuochi e fiamme nelle valli

di Sofia Bianchi

Pinerolo Indialogo - Anno 8 - N.12 - Dicembre 2017

Nei giorni scorsi le nostre amate valli si sono ritrovate ad affrontare un mostro più grande di loro: il fuoco. Ne abbiamo sentito parlare molto al telegiornale o sui social network, a partire dalla Valsusa fino ad arrivare nel Pinerolese, gli incendi divampavano illuminando le notti e offuscando i giorni col loro fumo.

In diversi sono stati costretti ad evacuare per l’alto rischio di pericolo, ma anche se non si avevano le fiamme a pochi metri da casa, ci si sentiva soffocare da polveri, cenere e fumo. L’Asl ha emanato un vademecum per limitare i danni sulla salute, ma ci sono stati diversi casi di insufficienza respiratoria.

A prescindere dalle origini, questo domino di lingue di fuoco sparse su tutto il Piemonte, oltre che creare scompiglio, rabbia, tristezza e preoccupazione nei giorni dei fatti, ha creato un danno ambientale su lungo termine.

Sul suolo: la cenere che si produce e si deposita rende il terreno meno permeabile all’acqua e, in caso di forti precipitazioni, il deflusso aumenta considerevolmente causando, specialmente nelle valli, problemi alluvionali.

Aumenta l’inquinamento dell’aria.

La flora e la fauna vengono drasticamente ridotte, influenzando così il normale ciclo di vita e biodiversità del bosco, mutandone il patrimonio a causa del diverso habitat.

Le vie di comunicazione sono più esposte ad erosione e cadute massi.

Aumento delle frane poichè le radici secche non fissano più il terreno.

L’elenco potrebbe continuare all’infinito sulle conseguenze degli incendi boschivi, ma concludo ringraziando chi durante l’emergenza ha lavorato ed ha aiutato per contenere e limitare il più possibile i danni.