Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 
 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Aprile 2017

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Sociale & Volontariato 

Crescere Insieme
Con i bambini, gli adolescenti e i migranti


di Federica Crea

Pinerolo Indialogo - Anno 8 - N.4 Aprile 2017

Crescere Insieme è una cooperativa sociale fondata a Torino nel 1979 che affonda le sue radici storiche nell’operato dei volontari cattolici dell’Associazione Amici dei Bimbi, impegnati, dalla metà degli anni ’60, nella cura dei ragazzi abbandonati delle Vallette, quartiere della periferia di Torino. Sebbene i suoi destinatari principali siano bambini e adolescenti, con attività di supporto all’affido e comunità alloggio, negli anni la cooperativa ha avviato servizi rivolti ad altri membri della comunità locale, come anziani, diversamente abili e malati, attraverso servizi di assistenza tutelare e domiciliare.

In seguito all’Emergenza Nord Africa originata dalla Primavera Araba del 2011 e forte dell’esperienza trentennale nell’ambito dell’accoglienza, della cura e dell’integrazione, la cooperativa si è attivata anche in favore dei migranti e, a Pinerolo, ha trovato lo spazio, i mezzi e le risorse necessarie allo scopo.

Lilith Meier, mediatrice linguistica e culturale per Crescere Insieme, racconta: «La nostra cooperativa ad oggi gestisce quattro case a Pinerolo e si occupa di seguire 16 ragazzi richiedenti asilo politico; si tratta di giovani tra i 18 e i 30 anni provenienti da Senegal, Costa d’Avorio, Gambia, Nigeria e Bangladesh. Il nostro lavoro è fatto di rapporti umani e burocrazia, di mediazione e amministrazione: come cooperativa infatti ci occupiamo tanto dell’insegnamento della lingua italiana quanto dell’assistenza medico-sanitaria o della gestione del denaro erogato per l’accoglienza di ciascuno dei nostri ospiti; ma non solo! L’altra grande componente del lavoro, forse la più importante e determinante per questi ragazzi, è basata sulla preparazione che riserviamo a ciascuno di loro per poter affrontare la Commissione territoriale, l’organo competente per l’accertamento o il diniego dello status di rifugiato ai richiedenti asilo».

La necessità di rendere più autonomi questi ragazzi e la volontà di dare loro gli strumenti per integrarsi sul territorio e nella comunità ha indotto Crescere Insieme ad ampliare il proprio raggio d’azione per creare dei momenti di incontro, confronto e condivisione con la popolazione. Lilith spiega: «In collaborazione con Officina Pinerolese e Giovani per il Territorio, siamo riusciti ad avviare il progetto "In braccio al Mediterraneo: oltre le colonne d’Ercole", un ciclo di sette incontri serali presso i locali del circolo Arci "Stranamore" per dare la possibilità a ciascuno dei nostri ragazzi di raccontare la propria avventura, partendo dalla storia del proprio Paese di origine, passando per la cultura e le tradizioni tipiche della propria terra fino a racconti personali di vita quotidiana».

Il progetto è stato avviato il 16 marzo con una serata d’eccezione dedicata al tandem linguistico, un’occasione divertente e unica non solo per imparare una lingua straniera, ma anche per conoscere tanti nuovi amici. Il calendario dei prossimi eventi:

6 aprile: Gambia

28 aprile: Senegal

18 maggio: Costa d’Avorio

8 giugno: Nigeria

29 giugno: Bangladesh