Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 
 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Giugno 2017


Dialogo tra generazioni


Home Page :: Indietro
 Serate di Laurea 
 

 

Serata di laurea con Elena Rudiero, Luca Gendre e Giorgio Nicola

"Il progetto Habitar Favela" e "L’influenza delle ruote nelle performance aerodinamiche"

  serate a cura di Francesca Olocco

Pinerolo Indialogo - Anno 8 - N.6 - Giugno 2017

Il 9 giugno, presso Onda d’Urto, l’ultima serata di laurea dell’a.a. 2016/2017. I primi a condividere con noi la loro ricerca, dal titolo Habitar Favela. Un progetto di riqualificazione urbana ad Osasco (São Paulo): il caso di Jardim Açucará sono Elena Rudiero e Luca Gendre. I due ragazzi, entrambi laureati in Architettura per il progetto sostenibile, ci hanno spiegato:

«Il lavoro di tesi si concretizza grazie alla collaborazione che da anni è viva tra il Politecnico di Torino e la Secretaria de Habitação e Desenvolvimento Urbano del comune di Osasco del Brasile. L’obiettivo del lavoro è stato quello di elaborare un progetto abitativo architettonico di social Housing per l’area di Jardim Açucarà, una favela situata nella zona Nord-Ovest della città. Gli obiettivi sono stati quelli di migliorare la qualità della vita nella favela, dare risposte concrete all’instabilità e alla sicurezza e inserire nuove infrastrutture e servizi urbani. Abbiamo quindi svolto un’analisi del fenomeno dell’urbanizzazione nei Paesi in via di sviluppo e successivamente del Brasile. Rilevante è stato lo studio dei principali piani attuati dal Governo e le politiche abitative di edilizia popolare in Brasile».

L’ultimo relatore è stato invece Giorgio Nicola, laureato in Ingegneria Aerospaziale, che ci ha descritto un progetto molto interessante e dal titolo Studio CFD sull’influenza aerodinamica delle ruote in una bicicletta carenata, che ha così descritto:

«Il lavoro di tesi da me presentato è stato uno studio, in ambiente CFD (Computational Fluid Dynamics), dell’influenza delle ruote nelle performance aerodinamiche di una HPV (Human Powered Vehicle) carenato. Tramite simulazioni a computer (effettuate appunto con un software CFD), si è cercato di capire che tipo di ruota fosse maggiormente performante al fine di ridurre la resistenza aerodinamica del veicolo.

Il lavoro è stato svolto nell’ambito del team studentesco Policumbent del politecnico di Torino, che ha come obbiettivo lo sviluppo di HPV ad alta velocità, di modo da poter competere al WHPSC di Battle Mountain (Nevada, USA), competizione che si tiene ogni settembre. Lo scorso anno il Team Policumbent ha raggiunto i 126.7 km/h con la bicicletta "PulsaR", classificandosi secondo tra le università partecipanti alla competizione».