Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Ottobre 2012

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 


  Non ci resta che raccontarle...


Un'ipotesi avanzata tempo fa per rilanciare la SUMI a Pinerolo

Laurea in Scienza delle Alpi

 

Pinerolo Indialogo - Anno 3 - N.10 - Ottobre 2012

 Elvio Fassone nel n. di settembre di Pinerolo Indialogo ha accennato a degli studi fatti per rilanciare alcune eccellenze del territorio. Tra queste l’università con un progetto di laurea di secondo livello in "Scienze delle Alpi". La proposta - accantonata! - ci sembra invece originale ed interessante, secondo noi da riprendere. Anche perchè potrebbe saldarsi con altre realtà di pregio come il laboratorio di Pracatinat. Presentiamo uno stralcio del progetto.

"Dunque, Pinerolo, se vuole sopravvivere [come università], deve trovare una soluzione specifica, corrispondente ad una sua vocazione, e fortemente sostenuta dal territorio. (...)

E’ stata affacciata l’ipotesi di ottenere un corso a Pinerolo affine a quello in atto ed in via di esaurimento, dandogli una fisionomia in parte diversa. Si tratterebbe di conservare l’impianto del corso di Economia e gestione dell’impresa, implementandolo con insegnamenti di Management del turismo e Management della cultura. [...]

L’ipotesi è fortemente caldeggiata da una parte dei Docenti della Facoltà di Economia. Incontra resistenza, invece, in altra parte dei Docenti, riluttanti a spostarsi in sede decentrata; [...]

Si affaccia dunque la necessità di una diversa ipotesi praticabile, che può sintetizzarsi nella istituzione di un corso di laurea magistrale (o di secondo livello) in Scienza ed economia della montagna, ovvero Scienze delle Alpi.

L’ipotesi muove dalla premessa necessaria, secondo la quale l’istituzione di un corso in una sede decentrata deve rispondere ad un’oggettiva specificità che la sede può offrire.

A questa stregua è stata inizialmente formulata - con il giudizio favorevole di un nucleo di Docenti dell’Università torinese - l’ipotesi di trasferire a Pinerolo il corso inter-facoltà, di primo livello, di "Scienza [e cultura] delle Alpi", che è già operante a Torino nelle due formule di "Scienza e cultura delle Alpi" (SCA) e di "Scienza e turismo alpino" (STA).

A sostegno di questa ipotesi giocano le seguenti considerazioni:

* il corso incontra difficoltà nel proseguire a Torino, dove lo STA è in via di esaurimento;

* Pinerolo potrebbe aggiungere una dimensione internazionale, connettendosi con il corso affine esistente nella città gemellata di Gap (F);

* il corso verrebbe integrato e potenziato con il capitolo dell’Economia montana, oggi carente o di esiguo rilievo nella configurazione di Torino.

A questa ipotesi, peraltro, si oppone la difficoltà di trasferire in una sede distaccata un corso che coinvolge più Facoltà.[...]

Ove non sia possibile instaurare a Pinerolo un intero ciclo (3+2) ma vi sia - come sembra - disponibilità dell’Università ad allocare nelle sedi staccate dei corsi di secondo livello (il c.d. "+ 2"), si rende necessaria una decisa presa di posizione a favore del corso di laurea di secondo livello in Scienza [e cultura] della montagna (o delle Alpi), in ragione della unicità di questa disciplina, del suo connotato trans-frontaliero, che Torino non assicurerebbe in egual modo, e della vocazione specifica del territorio pinerolese. [...]