Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Aprile 2012

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Buone News 

Piacevoli sorprese

Anche il cioccolato per mantenersi in forma

di Gabriella Bruzzone

Pinerolo Indialogo - Anno 3 - N.4 - Aprile 2012

  Che il cioccolato sia un efficacie e potente antidepressivo è ormai risaputo: chi di noi infatti non ha testato almeno una volta le sue proprietà traendone immediati benefici? O che sia anche considerato un buon afrodisiaco ce ne dava già conferma Giacomo Casanova.

Ma che questa golosità aiuti anche a rimanere magri beh, questa è una squisita ed inaspettata novità!

Lo studio condotto da Beatrice Golomb dell’Università della Columbia a San Diego certifica infatti che chi assume regolarmente cioccolato ha più possibilità di mantenere un indice di massa corporea più basso rispetto a chi invece non lo assume mai. Vale a dire che chi lo consuma più volte la settimana, chiaramente in quantità moderate, risulta più magro di chi non lo mangia per paura di  ingrassare.

Responsabile di tale beneficio sarebbe la composizione delle calorie che aiuterebbe l’organismo ad accumulare una minor quantità di grassi. Il cioccolato risulta perciò essere un cibo "neutrale" in quanto ad assimilazione calorica poiché non porta né ad ingrassare né a dimagrire, ma mantiene un giusto equilibrio.

Per adesso non vi sono certezze, è ancora tutto in via ipotetica ma i ricercatori sembrano piuttosto fiduciosi di poter aggiungere un’altra qualità benefica alle tante già elencate di questo delizioso alimento.

Tra queste ne cito qualcuna che sicuramente potrà interessarvi:
- 28 grammi di cioccolato amaro al giorno riducono i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress;
- il cioccolato fondente può ritardare l’indurimento delle arterie in coloro che fumano, limitando il rischio di malattie cardiache anche gravi;
- il cioccolato fondente aumenta del 20% le concentrazioni di antiossidanti nel sangue.