Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Maggio 2012

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Appunti di storia locale 

Pinerolo vista da De Amicis/1

"Rassomiglia a Gerusalemme

di Edmondo De Amicis, dal libro Alle porte d'Italia

Pinerolo Indialogo - Anno 3 - N.5 Maggio 2012

  La città [Pinerolo] mi piace infinitamente. Vista dall’alto, posta com’è all’ imboccatura di due bellissime valli, ai piedi delle Alpi Cozie, davanti a una pianura vastissima, seminata di centinaia di villaggi, che paiono isole bianche in un mare verde e immobile, è la città più bella del Piemonte.

Il mio povero padre soleva dire che qui, per imparar la storia di Casa Savoia, basta leggerla una volta sul tetto: guardando intorno, si possono seguire le mosse degli eserciti e le vicende delle guerre come sopra una carta geografica sterminata. Ma questo è più strano: che vi si può studiare con eguale vantaggio il Nuovo Testamento, poiché v’ha una rassomiglianza singolarissima di giacitura e di dintorni tra Pinerolo e Gerusalemme. Come la città santa, questa è fabbricata in parte sopra un’altura, e scende allargandosi al piano: il colle di San Maurizio è il Sion, l’altura della cittadella è il Golgota, il monte di Santa Brigida, monte Moria; e, non solo per sito, ma per forma, la valle del Lemina rappresenta la valle di Giosafat; ed anche Pinerolo ha dalla parte di levante un monte Oliveto, e il torrente Chisone può raffigurare il Giordano. Che te ne pare? Avrei ragione di star qui volentieri, non foss’altro che per studiare la storia patria e la storia sacra.[...]

Per questo, rientrando in casa mia, salgo quasi sempre all’abbaino per godere la vista dei dintorni.

Le case che biancheggiano sulla collina, tutte quelle torri nere che s’intagliano nel cielo limpido e profondo, la città di Saluzzo che appare come una macchia lattea di là dalla striscia luccicante del Po , e la rocca di Cavour, che s’alza solitaria nel piano come un frammento colossale d’asteroide precipitato dal cielo, e le cime delle Alpi inargentate; questo spettacolo immenso e quieto, in cui si sente la voce sonora del Lemina che parla delle glorie morte, mi tiene inchiodato un’ora con la bocca aperta.

E se qualche volta mi piglia un senso di tristezza a veder li a pochi passi quella gola spalancata della valle di Fenestrelle, che ci ha vomitato addosso tanto ferro e tante sventure, allora mi rivolgo dalla parte di Torino , dove brilla la speranza d’un avvenire migliore del passato e del presente, e il mio cuore si riconforta.
                                                       da Alle porte d'Italia