Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Dicembre 2011

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Visibili&Invisibili/2 

 

Amnesty International Pinerolo

Sostegno ai dissidenti siriani

di Andrea Bruno

Pinerolo Indialogo - Anno 2 - N.12 - Dicembre 2011

   Sabato 10 e domenica 11 dicembre, il Gruppo Giovani Amnesty International di Pinerolo allestisce in Piazza Verdi il consueto tavolino per la raccolta firme. Questa volta si fa informazione sulla Siria, paese interessato, alla pari del resto del mondo arabo, da sommosse popolari che, in questo caso, hanno l’obiettivo di spingere il presidente siriano Bashar al-Assad ad attuare le riforme necessarie per dare un’impronta democratica allo Stato. Le manifestazioni sono iniziate nel febbraio 2011 e si sono evolute in proteste di massa a metà marzo, nella maggior parte dei casi pacifiche, ma alle quali le autorità siriane hanno risposto in modo brutale con l’intento di sopprimerle. Le firme raccolte il 10 e l’11 dicembre verranno inviate proprio a Bashar al-Assad, affinché venga fatta luce sulla scomparsa, avvenuta il 2 novembre, di due attivisti siriani, Mohamed Bachir Arab e Ahmed Omar Azoz, dal momento che si teme che siano stati arrestati e sottoposti a detenzione segreta. In tal caso corrono il serio rischio di essere torturati o maltrattati. Se Mohamed Bachir Arab e Ahmed Omar Azoz sono detenuti esclusivamente a causa delle loro pacifiche attività di protesta, Amnesty International li considererebbe prigionieri di coscienza chiedendone l’immediato rilascio. Questa l’azione urgente su cui il Gruppo Giovani di Pinerolo si sta concertando, ma numerosi casi simili si possono ritrovare sul sito di Amnesty International (www.amnesty.it), vero e proprio infausto registro di violazioni di diritti umani.