Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 Buone News 

Buone notizie dall'Italia e dal mondo

Le vacanze sempre più ecocompatibili

di Gabriella Bruzzone

Pinerolo Indialogo - Anno 2 - N.4 - Aprile 2011

  Con l’arrivo della bella stagione si inizia inevitabilmente a pensare alle vacanze, prime fra tutte quelle pasquali. La primavera, si sa, con i suoi profumi e i primi caldi invoglia a stare all’aria aperta e a organizzare gite fuori porta.

Secondo alcuni studi, gli italiani ricercano sempre di più il contatto con la natura e preferiscono vacanze ecocompatibili a stressanti viaggi in caotiche città. Da qui il termine ecoturismo: ovvero "una forma di turismo incentrato sull’impegno ambientalista e sociale".

E quale luogo migliore se non proprio l’Italia per una vacanza di questo tipo? Il nostro Paese offre, infatti, una vasta gamma di scelte tra agriturismi, prodotti alimentari e tradizioni folcloristiche e culturali.

Tra i maggiori sostenitori di questo nuovo turismo ci sono i giovani tra i 16 e i 30 anni, sintomo di una coscienza verde che ben si sta radicando tra le nuove generazioni; seguono poi le famiglie, le gite scolastiche, le coppie e infine i single.

Gli ecoturisti prediligono gli agriturismi, luoghi tranquilli nei quali approfondire la conoscenza di piante ed animali e in cui poter godere la natura in pieno relax. Ma anche i bed and brekfast e le dimore storiche. Non solo: lo spirito sportivo prevale anche quando si è in vacanza, così molte strutture si sono attrezzate con campi sportivi, gite a cavallo, corsi di trekking, arrampicata e bird watching.

Questi sono solo alcuni dei motivi che spingono un numero sempre maggiore di italiani a preferire questo tipo di programma rispetto alle classiche vacanze. Concorrono soprattutto la natura incontaminata e le bellezze paesaggistiche. Alcuni puntano anche alle località storico-artistiche e alle aree protette, il tutto nel rispetto dell’ambiente. È questo infatti l’obbiettivo principale di chi sceglie le vacanze ecologiche, prima ancora del costo.

Senza contare oltretutto il fatturato annuo italiano di questo settore in continua crescita, pari a 10 miliardi di euro. Dati ottimisti per il futuro arrivano anche dalla associazione della Coldiretti, pronta ad incoraggiare gli imprenditori che vogliono puntare ad un green tourism.