Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



 

Pinerolo Indialogo

Gennaio 2013

Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 

 Giovani @ Scuola 

Dal giornale degli studenti del Liceo Porporato

Pinerolo Indialogo - Anno 4 - N.1 Gennaio 2013

 Le priorità nell'agenda degli studenti

 

   Il tempo va, scorre inesorabile e sembra sfuggirci via di mano. E noi siamo sempre così affaccendati, così distrattamente impegnati nella quotidianità che spesso lasciamo scivolare, senza accorgercene, la nostra giornata tra mille preoccupazioni ed affanni futili. Purtroppo la giornata è di sole 24 ore, e nonostante si cerchi di trovare tempo per tutto e tutti, inevitabilmente si è costretti a rinunciare a qualcosa. E’ una questione di "priorità": nell’ agenda della nostra vita cerchiamo di inserire al primo posto ciò che più amiamo, ciò a cui più teniamo e, di conseguenza, compiliamo la lista delle famose "cose da fare".

Ecco, quindi, cosa mettono al primo posto nella loro agenda alcuni studenti:

- "E’ buffo dirlo, ma la mia priorità di vita è mangiare: è la cosa che adoro di più fare e che mi fa sentire bene e in pace con me stessa"

- "Potrei dirti, ad esempio, la mia famiglia. O i miei amici. Ma tutte queste cose sono sempre in relazione a me stessa. Di conseguenza faccio prima a dirti "Me stessa" , rischiando anche di sembrare un pochino egoista e narcisista"

- "Io dedico la maggior parte della mia giornata alla musica. E non potrei immaginarmi una vita senza di essa: sarebbe estremamente avvilente e vuota"

- "Seppure la mia agenda sia costellata dagli impegni scolastici (che sono quelli che riempiono la mia giornata), io vorrei dedicare la maggior parte del mio tempo alla danza, che è uno dei miei passatempi preferiti"

- "Al primo posto vengono senz’altro i contatti umani: la mia famiglia e, soprattutto, i miei amici che mi danno sempre la forza di andare avanti"

- " A riempire la mia agenda sono senza ombra di dubbio i miei mille impegni, che però sono anche le cose che amo di più fare e a cui, quindi, dedico più tempo"

- "Rischiando di essere banale, ti rispondo la mia famiglia. Nonostante a volte abbia voglia di strangolarla, nonostante per i vari impegni di tutti stiamo poco insieme, il momento più bello della giornata è la cena, quando ci ritroviamo e raccontiamo cosa ci è successo durante la giornata".
                                                      Selene, 2A Cl, Onda d’urto, dicembre2012

Dopo la scampata fine del 2012, occhio al 2013

   
Come ogni anno da sempre si saluta il nostro compagno il "2012" per presentarci al meglio al "2013". Prepariamoci allora in anticipo per accogliere l’anno nuovo che, chissà, potrà offrirci dei momenti veramente speciali.

Iniziamo con degli auguri di buon compleanno: infatti il prossimo anno il grande poeta italiano Boccaccio avrebbe compiuto 700 anni!

150 anni fa invece nasceva un altro poeta, il noto Gabriele D’Annunzio, nato il 12 marzo 1863 nella città di Pescara.

Non bisogna però dimenticare che il 4 febbraio 1913 il tredicesimo Dalai Lama dichiara l’indipendenza del Tibet e che, sempre cent’anni fa, il 6 novembre Mahatma Gandhi viene arrestato durante una delle sue proteste pacifiche.

Purtroppo però si devono ricordare fatti che, se si potesse tornare indietro, avremmo impedito in ogni modo. Il 9 ottobre 1963 ci fu la caduta della diga del Vajont (Trentino) con un numero di vittime che tocca le 2000 persone, mentre venerdì 22 novembre dello stesso anno, J.F.Kennedy morì durante un corteo a Dallas, assassinato con un colpo di pistola alla testa da Lee Harvey Oswald.

Per riprenderci un po’, trasferiamoci in Brasile, dove tra il 23 e il 28 luglio si festeggerà la 28^ Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro.

Ah già! Come dimenticare? Dopo la sconvolgente notizia della fine del mondo nel 2012, l’appuntamento è rimandato al prossimo anno, quando una gigantesca eruzione solare scatenerà una tempesta magnetica sulla Terra e ci sarà un black-out totale con pesanti crolli sull’economia delle telecomunicazioni. E se non moriamo tutti per questa eruzione, diamoci appuntamento al cinema per festeggiare i vent’anni di Jurassic Park che ritorna sul maxi schermo in 3D!
                                                    Greta Gontero 5^a g, Onda d’urto dic.2012