Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Maggio 2013


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

Mostre 



Mostra fotografica di Augusto Cantamessa

150 anni di Porporato attraverso i "dettagli"

di Chiara Gallo

Pinerolo Indialogo - Anno 4 - N.5 - Maggio 2013

 

   Ospitata dal Liceo Porporato in occasione dei 150 anni dell’istituto , la mostra fotografica di Augusto Cantamessa colpisce per l’analisi del dettaglio eseguita su una scelta fra oltre 20.000 volumi conservati nella biblioteca scolastica e 700 strumenti scientifici maneggiati da generazioni di studenti e professori e risultato dell’unione tra il vecchio istituto Rayneri e il Liceo Classico.

Ed è proprio sulla ricerca delle tracce lasciate da suddetti studenti e professori che si è concentrata la cura degli scatti,.Alla domanda sul perché di questa scelta risponde: "Ho ritratto oggetti piuttosto che l’edificio, perché in essi sono segnate per sempre le impronte del tempo passato: 150 anni di docenti e allievi con le loro anime e palpitazioni di vita".

Grazie all’uso di una semplice compatta, Cantamessa ha ripreso questi oggetti (libri e strumenti) nel dettaglio e ha portato alla luce aspetti nascosti ad un occhio disattento e disinteressato.

Si tratta di scorci di storia che vogliono descrivere, con angolature ben studiate, le sensazioni che riescono a scaturire da libri e strumenti attraverso l’obbiettivo del fotografo, come lui stesso ci spiega: "Ho scelto determinate angolature e certi dettagli per non correre il rischio di fare una dettagliata elencazione tipo " catalogo " piuttosto che una interpretazione artistica".

Il prof. Moriondo, intervenendo durante la presentazione, ha sottolineato la delicatezza di alcune apparecchiature immortalate, spesso non più utilizzabili, tuttavia ancora ricche di fascino, così come la prof.ssa Strumia ha ricordato come certi volumi non potessero essere analizzati a causa dell’eccessiva fragilità delle pagine.

Un’esposizione che va al di là dell’aspetto fisico dell’oggetto, che rivela quanta storia sia racchiusa all’interno dell’edificio del Liceo Porporato e quanta deve ancora essere rivelata!