Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Settembre 2013


Dialogo tra generazioni


Home Page :: Indietro
 Visibili e invisibili 

 

 


Dal 24 al 29 luglio 

Quarto raduno nazionale dei giovani di Libera 

di Chiara Perrone

 

Pinerolo Indialogo - Anno 4 - N.9 - Settembre 2013

Quest’anno dal 24 al 29 luglio si è tenuto a Marsala,una cittadina siciliana in provincia di Trapani, il quarto raduno nazionale dei giovani di Libera. L’esperienza è stata aperta da un incontro con Nando Dalla Chiesa,presidente onorario di Libera, professore universitario, sociologo e giornalista. Egli ha cominciato il suo dialogo coi giovani parlando di "potere" e ha affermato:" Potere come sostantivo significa compressione di diritti, significa la loro negazione. Quello imposto dalle mafie, infatti, è un diritto di fatto.Per tanti anni "potere" è stato inteso solo come sostantivo e asciugato, svilito. Dobbiamo estendere la capacità di dar vita al potere come verbo." Sono parole forti quelle pronunciate da Dalla Chiesa, egli vuol far comprendere ai giovani che ognuno di noi "può" nel suo piccolo compiere scelte importanti, scelte capaci di cambiare il corso degli eventi, scelte fatte in nome della giustizia. Una giustizia nella quale egli continua a credere, poichè è convinto che combattendo la mafia non bisogna seguire i propri istinti, ma quelli di una società fondata sulla giustizia. Egli ha inoltre spiegato ai giovani radunatisi a Marsala che da quando è divenuto possibile manifestare contro si è potuto assistere ad una redistribuzione del potere. Infine ha concluso il suo intervento dicendo: "Oggi siamo indisponibili ad accettare il potere come abuso e siamo dentro una lotta che non è solo alla mafia, perchè la vera forza della mafia sta fuori dalla mafia". Il suo è un chiaro invito alla consapevolezza e alla capacità di discerenere le persone e gli ambienti. Capacità che è fondamentale, ora più che mai, trasmettere ai giovani.