Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Luglio 2014


Dialogo tra generazioni
 
Home Page :: Indietro

 Andare al Cinema

Tra glamour e buon cinema

Tutte contro lui

 

di Andrea Obiso

 

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.7-8 - Luglio 2014

   Multisala, giorno feriale, ore 22:00. In due sale, pressoché adiacenti, troviamo un film d’annata ("per un pugno di dollari", Sergio Leone 1964, primo estratto della "trilogia del dollaro") e l’ennesimo titolo estivo dettato dal consueto e micidiale cocktail pre-autunnale (1/3 di bel tempo, 1/3 di pubblico poco esigente e 1/3 di insaziabile appetito hollywoodiano).
Consapevoli di dover recensire un film entriamo, un po’ riluttanti, nella sala in cui verrà proiettato "Tutte contro lui".

Mark (Nikolaj Coster-Waldau) e Carly (Cameron Diaz) sono una coppia felice di New York. Una sera Mark annulla una cena accampando la scusa di un guasto che (poco verosimilmente) lo costringerà fuori città per un po’; la realtà è che deve tornare a casa da sua moglie Kate (Leslie Mann).
Il piano sembra perfetto ma quando Carly decide di fare una sorpresa al fidanzato finisce con l’incontrarne la moglie; le due (ignare dell’esistenza l’una dell’altra) si rendono conto di essere state raggirate e si disperano ingurgitando quantità industriali di alcol e piangendo lacrime a fiumi.
La situazione, già non entusiasmante, precipita nel momento in cui Carly e Kate scoprono l’esistenza di una terza amante (Kate Upton), anch’essa ignara del tradimento plurimo di Mark.
Parte così un tremendo piano di vendetta volto a distruggere il bel fedifrago.

Dopo diversi tentativi di sdoganare la comicità femminile al pari (poco invidiabile per altro) di quella maschile, arriva l’ennesimo female-buddy-movie infarcito di star e di comicità dozzinale.
La sceneggiatura in realtà è ben poca cosa in quanto non consente al pubblico né di immedesimarsi con le protagoniste né di divertirsi, a causa di una comicità poco efficace e spesso ripetitiva.
Come sempre ottimi gli aspetti tecnici, più legati ad un fattore di neutra chiarezza visiva e sonora che a pretese di perfezione o di arricchimento della pellicola.

Auguro a tutti una buona estate, ricordando che nel pinerolese (e non solo) ci saranno diversi cinema all’aperto organizzati dai comuni e dalle pro loco. Un modo come un altro per godersi una sera d’estate…