Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Luglio 2014


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 Tecnologie & Innovazioni 


Viaggiare verso il futuro

di Greta Gontero

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.7-8 - Luglio 2014

   In futuro probabilmente cambieranno, oltre a tutto il resto, anche i tradizionali mezzi di trasporto: ci si concentrerà più sull’ecologia, introducendo innovativi ed efficienti sistemi di locomozione adatti a tutti.

Ma già attualmente ci sono alcuni prototipi che lasciano a bocca aperta: si pensi allo straordinario modello di aereo comandato direttamente dal pensiero umano.

Infatti è stato effettuato un test su un variegato gruppo di piloti (dai più esperti ai principianti), i quali hanno controllato il velivolo in un simulatore grazie alla forza del pensiero e utilizzando un particolare casco.

Quest’ultimo possiede degli elettrodi collegati a un piccolo computer con elettroencefalogramma che misura ed elabora le onde celebrali.

Il compito dei piloti, durante l’esperimento, consisteva nel visualizzare mentalmente le varie fasi del volo, dal decollo all’atterraggio. Un algoritmo particolare ha poi interpretato le onde celebrali convertendole in comandi diretti ai sistemi di pilotaggio del simulatore di volo. Questo nuovo e "fantascientifico" sistema di volo permetterà viaggi più sicuri e meno stressanti per i piloti e si spera che possa presto tramutarsi in realtà.

Anche nel campo automobilistico si stanno però facendo passi da gigante per quanto riguarda l’innovazione: le Google Car (quelle che viaggiano per tutto il mondo scattando fotografie utili a Google Maps e Google Street View) sono infatti in grado di guidare da sole e sono prive di volante e pedali.

Un determinato sistema montato a bordo permette la guida automatica e consente alla vettura di comprendere lo spazio attorno a sé, agendo di conseguenza.

Queste auto sono state progettate puntando ad obbiettivi più elevati ancora: rivoluzionare i metodi di spostamento, passando così dall’auto privata a quella condivisa e lasciando grande spazio alla sicurezza stradale (si evita in questo modo che il passeggero ubriaco o al telefono causi incidenti).

La vettura di Google non andrà oltre i 50 km/h e avrà la parte frontale morbida e flessibile per proteggere i pedoni da eventuali urti.

Se da una parte, con l’aviazione, l’uomo sarà ancora strettamente collegato al suo mezzo di trasporto, dall’altra, con la Google Car, l’intervento umano non sarà assolutamente più necessario: quale futuro mezzo scegliere?