Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 



Pinerolo Indialogo

Settembre 2014


Dialogo tra generazioni
 
Home Page :: Indietro

 Andare al Cinema

Il cinema va in cucina

Chef - La ricetta perfetta

Regia: Jon Favreau - Cast principale: Jon Favreau, John Leguizamo, Sofia Vergara, Scarlett Johansson, Dustin Hoffman


di Andrea Obiso

 

Pinerolo Indialogo - Anno 5 - N.9 - Settembre 2014

   Carl Casper (Jon Favreau) è un famoso Chef di Los Angeles, le sue sicurezze tra i fornelli vengono minate nel momento in cui un noto critico culinario stronca le sue ricette dichiarandole antiche ed insinuando che la vena innovativa che aveva caratterizzano l’inizio della carriera di Carl oramai si è esaurita.
Tra una litigata con il proprietario del ristorante (Dustin Hoffman) ed un battibecco con l’ex moglie (Sofia Vergara) Carl scopre il potere di twitter e subito si scontra con la pericolosità di questo mezzo.
Lasciandosi coinvolgere dalla colorita retorica utilizzata all’interno del social network infatti Carl sfida apertamente il critico culinario, scatenando una catena di eventi che porteranno il rinomato chef a riconsiderare il proprio lavoro e le proprie priorità.

Jon Favreau, già noto per ruoli comici e per la regia, fra gli altri, di Iron Man, porta in scena una commedia leggera e divertente basata sulla cucina e sul rapporto padre-figlio.
A supportare la storia, poco originale ma comunque presentata in modo fluido e privo di momenti morti, c’è un cast di attori con notevole esperienza all’interno del genere e con abbastanza notorietà da attirare il pubblico in sala.
I problemi della pellicola, come spesso accade, sono paradossalmente associabili ai punti forti appena elencati. L’andamento della vicenda infatti prosegue esattamente come lo spettatore si aspetta, creando un ambiente sicuro e privo di sorprese che caratterizzano spesso pellicole destinate ad essere dimenticate nell’arco di un paio di mesi.
Per ricalcare un concetto spesso espresso da chi commenta cinema: un gradino sopra le commedie all’americana, un gradino sotto i film interessanti.
A voi decidere se il fantomatico bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto.